loading

Caricamento...

Cgil: “Arezzo non sarà una cittadella ai margini del mondo” No alla chiusura della Casa delle Culture

20141023_cgil_arezzoChiudere la Casa delle Culture vuol dire chiudere Arezzo in un piccolo cerchio. Vuol dire sbarrare le porte della città al mondo e alle diverse culture. E’ una scelta pericolosa per la città e, in modo particolare, per le giovani generazioni.

 La Cgil di Arezzo sottoscrive quindi la lettera che è stata inviata al Comune di Arezzo da Oxfam  e da altre 16 associazioni contestando la scelta dell’Ente  di chiudere l’esperienza della Case delle Culture. Non si tratterebbe di una scelta isolata: ricordiamo la storia, a nostro parere poco edificante,  del  regolamento amministrativo sul commercio e sul decoro ribattezzato “Regolamento anti kebab”.

 La conservazione della memoria di una città e dell’identità di una comunità non può essere intesa come un processo conservatore e paralizzante, capace solo di condannare Arezzo al declino economico, sociale e culturale

 Arezzo ha bisogno invece di aprirsi al mondo non solo per la vendita dei suoi straordinari  prodotti di qualità ma anche per attrarre investimenti. Per far questo è indispensabile  che rimanga una città inclusiva, accogliente e capace di integrare persone e culture diverse.

 I lavoratori e i cittadini stranieri hanno il dovere di rispettare le leggi  del paese che li ospita e per questo  luoghi di integrazione e aiuto reale e concreto  come la Casa delle culture  non devono essere chiusi ma, al contrario, ampliati e maggiormente supportati. Conoscere i propri diritti ed  i propri doveri  è l’unico antidoto  per evitare  che questi lavoratori cadano nella mani della criminalità o di italianissimi “imprenditori”  senza scrupoli  che ne sfruttano il lavoro anche nella nostra civilissima città.

Lascia il tuo commento